LA ROTONDA FARINATA

locali tipici - NOVI LIGURE

LA ROTONDA FARINATANOVI LIGURElocali tipici
NOVI LIGURE (AL)
via pavese 11 
tel +39 0143 72101
invia una mail invia una m@il
nessun sito web specificato nessun sito web
LA ROTONDA FARINATA - NOVI LIGURE - locali tipici LA ROTONDA FARINATA - NOVI LIGURE - locali tipici LA ROTONDA FARINATA - NOVI LIGURE - locali tipici

Nata quasi per gioco da un’idea di Laura e Luciano, La Rotonda è il posto adatto per persone di ogni gusto ed età. Ambiente semplice, ma molto caldo, caratteristico con pochi tavoli, è l’ideale per distrarsi davanti ad un piatto di Farinata, vera perla del locale.
Se siete amanti della Pizza al tegame questo è decisamente il luogo che fa per voi. Luciano poi, esperto di Farinata, è in grado di offrirvi anche delle ottime varianti quali la Farinata con i Bianchetti (in stagione) o quella con i Cipollotti.
Ottima anche la Focaccia al formaggio e la Sardenara.

Per chi invece desidera consumare fra le mura domestiche i prodotti de La Rotonda, è previsto il servizio di asporto anche con prenotazione.

Un po’ di storia

La farinata di ceci è una torta salata molto bassa. Si cuoce in forno, in teglia di rame, e assume con la cottura un vivace colore giallo. Deve essere consumata calda ed è da quest’ultima caratteristica che in Piemonte prende la denominazione di "Bela Cauda".
Ha radici assai antiche: diverse ricette latine e greche riportano sformati di purea di legumi, cotti in forno. Nel Medioevo il piatto si diffonde a partire dalla zona di Genova.
Una leggenda racconta che sia nato per casualità nel 1284, quando Genova sconfisse Pisa nella battaglia di Meloria. Le galere genovesi, cariche di vogatori progionieri si trovarono coinvolte in una tempesta. Nel trambusto alcuni barilotti d'olio e sacchi di ceci si rovesciarono, inzuppandosi di acqua salata. Poiché le provviste erano quelle che erano e non c'era molto da scegliere, si recuperò il possibile e ai marinai vennero date scodelle di una purè informe di ceci e olio. Nel tentativo di rendere meno peggio la cosa, alcune scodelle vennero lasciate al sole, che asciugò il composto in una specie di frittella. Rientrati a terra i genovesi pensarono di migliorare la scoperta improvvisata, cuocendo la purea in forno. Il risultato piacque e per scherno agli sconfitti, venne chiamato l'oro di Pisa.

 

Servizi

servizi per portatori di handicap animali ammessi parcheggio vendita e degustazione prodotti tipici

Dati

Posti auto Ampio parcheggio di fronte 
Coperti 22 
Periodo apertura dalle 17.00 alle 24.00 - Chiuso il Lunedì 
Comune